A Tirano per conoscere..

Impianti, reti e centrali di Teleriscaldamento realizzati in Valtellina sono presi ad esempio da molte altre realtà che si stanno avviando sulla strada della produzione di energia utilizzando fonti rinnovabili. Come nel caso della visita alla centrale di Tirano degli ing. Tosi e Tarolli di Trento incaricati dello Studio e la progettazione di un impianto di cogenerazione da realizzarsi ad Asiago.

Lug 17 2003

Cogenerazione: a Tirano il primo impianto alimentato a biomassa in Italia di produzione di calore ed energia elettrica

A Tirano è entrato in funzione il primo impianto di cogenerazione in Italia capace di produrre sia calore che energia elettrica. Si tratta di uno dei progetti di avanzata tecnologia che la Teleriscaldamento Spa ha realizzato nel quadro dei suoi programmi di sviluppo energetico utilizzando fonti rinnovabili grazie alla collaborazione con la Regione Lombardia (Assessorato Agricoltura ed Assessorato all’Energia). Il progetto di cogenerazione calore/energia rappresenta un motivo di grande soddisfazione per la Società che vede crescere in modo sempre più convincente l’interesse ed il consenso di cittadini, operatori ed istituzioni verso iniziative e programmi che propongono uno sviluppo sostenibile per la produzione di energia nell’ambito della filiera bosco-legno-energia. Giovedì 17 luglio, alle ore 10.00, presso la sede di Tirano della Teleriscaldamento Coogenerazione, Valcamonica, Valtellina, Valchiavenna Spa è in programma un incontro per la presentazione del progetto e dei suoi sviluppi con relativa conferenza stampa.

Lug 15 2003

Conclusa l'operazione di aumento di capitale

Praticamente con un mese di anticipo si è conclusa l’operazione di aumento di capitale che l’assemblea straordinaria della Tcvvv del 24 maggio 2003 aveva deliberato stabilendo di aumentare il capitale sociale da 2.171.700 euro a 4.343.400 euro mediante l’emissione di 434.349 nuove azioni del valore di 5 euro (con un sovrapprezzo del 10%). Il termine per il completamento dell’operazione era stato fissato al 31 luglio, ma – spiega il presidente del CdA della Tcvvv Spa, Walter Righini – “abbiamo già raggiunto gli obiettivi fissati dall’assemblea con il raddoppio del capitale”. Soddisfazione piena è stata espressa dai vertici della società. In primo luogo per i tempi ampiamente rispettati, anzi anticipati, per la chiusura dell’operazione. In secondo luogo, valutazione non meno importante, per il fatto che la sottoscrizione è avvenuta principalmente a livello locale. “E’ il segno inequivocabile – aggiunge Righini – dell’interesse che le realtà valtellinesi, sia imprenditoriali che istituzionali, manifestano verso le iniziative del teleriscaldamento. La costante crescita della società, i programmi ed i progetti all’avanguardia e la considerazione goduta a livello nazionale ed internazionale sono un biglietto da visita importante, una credenziale che in queste occasioni vale molto”. Soddisfazione era già stata espressa per la decisione dei Comuni “azionisti” (come Tirano, Sondalo, Valfurva) di far valere il diritto di opzione, confermando la scelta fatta a suo tempo e soprattutto assicurando quel sostegno che era stato auspicato in seno all’assemblea della società.

Lug 07 2003

Articoli più letti:

Partner

               

Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta il nostro utilizzo da parte dei cookie. Scopri di più.