news

news (163)

Efficienza energetica, meno emissioni in atmosfera: dal Teleriscaldamento e dalla Fiper esempi su cui lavorare

Nelle ultime settimane la società per il Teleriscaldamento di Tirano e Sondalo e la Fiper (la Federazione Italiana Produttori di Energia da Fonti Rinnovabili) sono state protagoniste di iniziative e progetti di grande rilievo dal punto di vista ambientale. Ricordiamo, infatti, l’adesione ad Azzero Co2 e la costituzione della Associazione produttori e trasformatori di biomassa. Tutto si muove lungo il filone dell’energia pulita e del rispetto dell’ambiente attraverso la forte riduzione di emissioni in atmosfera. La Tcvvv Spa e le sue consorelle in seno alla Fiper rappresentano in tal senso esempi virtuosi nell’attività industriale in genere ed in quella della produzione energetica in particolare: sono realtà che dimostrano efficienza e capacità di produzione risparmiando, però, emissioni in atmosfera. Un risultato ottenuto attraverso la tecnologia applicata agli impianti, ma anche e soprattutto in ragione di una filosofia ambientale che sta alla base dei progetti e dei programmi imprenditoriali. Si può dire senza timore di essere smentiti che queste iniziative sono perfettamente allineate agli impegni del protocollo di Kyoto. Ed in sintonia con gli impegni di quel protocollo, oggi diventato operativo con la recente adesione della Russia, il risparmio di emissioni di CO2 da parte delle centrali del teleriscaldamento a biomassa può compensare emissioni da parte di aziende meno virtuose circa il rilascio di inquinanti in atmosfera. Ma “quanto” è questo “risparmio di inquinamento”, quale il suo valore e che cosa può realmente rappresentare sono le domande a cui hanno cercato di dare una prima risposta i più recenti incontri avvenuti presso la sede della Tcvvv a Tirano. I vertici di Azzero Co2, il progetto di Legambiente, Kyoto Club e Ambiente Italia che si propone di contribuire alla neutralizzazione dell'emissione in atmosfera di anidride carbonica attraverso l'acquisizione dei diritti di emissione e la promozione di interventi di efficienza energetica, hanno incontrato quelli della società Tcvvv e della Fiper per iniziare ad approfondire una tematica che non è ancora del tutto supportata da norme e regolamenti. All’incontro erano presenti Paolo Frankl ed Emanuela Menichetti di Azzero Co2, Zeno Beltrami e Giulia Galluccio della DNV, la società di certificazione dei crediti di carbonio, Giordana Droghei (di cui la Fiper ha chiesto la consulenza in questa fase), Walter Righini e Giacomo Frenademetz (Fiper) oltre a Mirco Bonaso ed Alessandro Brè, tecnici e consulenti della Tcvvv Spa. L’incontro è servito per approfondire diverse questioni che riguardano la politica ambientale e la migliore attuazione della proposta di Azzero Co2; al riguardo la Fiper ha iniziato ad avanzare alcune idee ed alcune ipotesi di lavoro che verranno approfondite in nuovi incontri. A completare il giro di consultazioni e di confronti, all’inizio della settimana c’è stato l’importante e gradito incontro a Tirano con Paolo Baccolo, direttore generale dell’assessorato all’agricoltura della Regione Lombardia. Oggetto di questo mini vertice – al quale era presente anche rappresentanti della neonata Associazione Produttori e Trasformatori di Biomassa – è stato quello di approfondire la problematica dei certificati di efficienza energetica e dei crediti di carbonio al fine di incentivare e valorizzare, a fini energetici, le fonti alternative in sostituzione del petrolio. Il dr. Baccolo ha espresso il suo apprezzamento per il lavoro svolto dalla Tcvvv (prima società di teleriscaldamento a biomassa in Italia ad avviare un impianto di coogenerazione) che rappresenta un riferimento puntuale per la Regione Lombardia. Nei prossimi giorni continueranno gli incontri a cui il presidente Walter Righini presenterà non soltanto i risultati del lavoro di Fiper e Tcvvv, ma anche proposte per migliorare le norme che disciplinano l’assegnazione dei certificati di efficienza energetica e crediti di carbonio. Intanto a Tirano prosegue la serie di visite didattiche e di istruzione rivolte in particolare ai ragazzi delle scuole tecniche e professionali che possono conoscere ed osservare da vicino progetti, tecnologie ed impianti all’avanguardia.

      

Ott 16 2004

A Tirano i vertici del GRTN e del CESI

Lunedì 11 e martedì 12 ottobre, presso la centrale del teleriscaldamento di Tirano, si è svolto un incontro di particolare importanza con i dirigenti ed i tecnici responsabili del GRTN di Roma e del CESI di Milano. Un incontro che era stato anticipato da un primo contatto romano avvenuto all'inizio del mese di agosto. Lo scopo della riunione è stato quello di approfondire e meglio comprendere tutto il processo di funzione e di gestione dell'impianto di cogenerazione con particolare riferimento al riconoscimento dei Certificati Verdi. La delegazione del GRTN era composta dagli ingegneri Costantino Lato, Giacomo Bertoni e Benedetto Torresetti della Direzione Rete, Andrea Raffaelli della Direzione Commerciale e Massimiliano De Carli del CESI di Milano. In rappresentanza della Società Tcvvv Spa e della Federazione Italiana produttori di energia da fonti rinnovabili, oltre al presidente Walter Righini, sono intervenuti il vicepresidente Carlo Zuanazzi. l'ing. Alessandro Brè e gli ingegneri, consulenti tecnici, Giuseppe Tomassetti, Giovanni Riva, Mauro Alberti e Alfio Fioroni. Ha preso parte alla riunione anche l'ing. Bini della società Turboden fornitrice dell'impianto produttore di energia elettrica.

   

Ott 12 2004

Dicono di noi: l'esperienza del Teleriscaldamento di Tirano su "QUARK"

Il periodico scientifico Quark ha dedicato due pagine all'attività ed all'esperienza valtellinese del Teleriscaldamento.

 

Ott 07 2004

Visite da Verona e Mantova

Continua sensa sosta l'afflusso di visitatori alle centrali della società per il Teleriscaldamento di Valtellina, Valchiavenna e Valcamonica Spa. Delegazioni di amministratori, tecnici e ricercatori arrivano a Tirano mentre prosegue l'impegno di comunicazione dei vertici della Tcvvv Spa nelle più diverse sedi (come nel caso dell'intervento del presidente Righini alla fiera Millenaria di Gonzaga - MN). Nella foto la più recente visita di gruppi provenienti da Mantova e da Verona.

Set 17 2004

Sindaci ed amministratori del mantovano in visita alla Centrale di Tirano

L'esperienza del teleriscaldamento in Alta Valtellina rappresenta un motivo di interesse soprattutto da parte degli amministratori. La Regione Lombardia indica il modello di Tirano e Sondalo come esempio anche per altre realtà lombarde. Cresce in tal senso la presenza nel registro dei visitatori di rappresentanti degli enti locali della nostra regione. Nella giornata odierna a Tirano sono stati ospiti sindaci ed assessori di alcuni comuni del mantovano. In particolare i Sindaci di Rivarolo Mantovano, Quingentole e gli assessori di Sermide. Nelle immagini alcuni momenti della visita e l'incontro con il Sindaco di Tirano che ha accolto i colleghi amministratori.

  

Set 05 2004

Ospiti inglesi alla Centrale di Tirano

Continuano le visite alla centrale di Tirano. Oggi è stata la volta di una delegazione inglese accompagnata dall'Ing. Giovanni Riva A.D. del CTI e dell'Ing. Bini della Ditta Turboden. Scopo della visita quello di approfondire aspetti tecnici e di approfondire temi di innovazione tecnologica legata agli impianti.

    

Ago 09 2004

FEASIBILITY STUDIES - HUNGARY 2. Per lo "studio di fattibilità Ungheria 2", progetto legato alla legge 212 e sostenuto dal Ministero degli Esteri, in visita a Tirano una delegazione ufficiale ungherese

Rappresentanti del Governo ed amministratori locali, dirigenti d'azienda ed imprenditori, osservatori e ricercatori, sindaci e rappresentanti di comunità locali: una delegazione ufficiale ungherese ha fatto visita martedì 6 luglio agli impianti ed alle strutture tecnologiche della centrale del teleriscaldamento di Tirano. A guidare in questo speciale tour italiano gli ospiti ungheresi il dr. Fabrizio Rossi, rappresentante del Consorzio Agrifineur a cui è stato concesso il finanziamento del ministero degli esteri italiano (nell'ambito della legge 212/92) assieme al National Developement Office di Budapest (partner ungherese del progetto "Studi di fattibilità Ungheria 2"). Obiettivo generale del progetto è quello di offrire la necessaria assistenza tecnica per la messa a punto di iniziative e progetti da proporre per finanziamenti internazionali. Tra questi interventi c'è la redazione di un progetto per realizzare impianti di teleriscaldamento alimentati a biomassa e l'esperienza di Tirano è stata considerata, dalla Regione Lombardia oltre che da Agrifineur, esempio valido da questo punto di vista. La delegazione ungherese ha potuto conoscere da vicino il processo di funzionamento della centrale Tcvvv di Tirano, iniziando con una visita alla segheria Ghilotti (fornitrice con altre segherie di una notevole quantità di scarti di lavorazione del legno, biomassa per alimentare le centrali della Tcvvv) e proseguendo con la visita a tutta la centrale. Prima i depositi del cippato, poi la cippatura dei tronchi e delle potature conferite a Tirano, quindi al caricamento ed alla centrale con caldaie ed impianti tecnologici sino alla raccolta delle ceneri ed alle apparecchiature di controllo di tutti gli impianti. Viva soddisfazione è stata espressa dai delegati ungheresi e dai rappresentanti italiani impegnati nel progetto internazionale. Giovedì 8 luglio il presidente della Tcvvv, Walter Righini - che ha accompagnato gli ospiti nella visita tiranese assieme ai rappresentanti dell'amministrazione locale - ha integrato le informazioni sui temi del teleriscaldamento a biomassa e delle fonti rinnovabili nel work shop di Milano intervenendo come presidente della Fiper, la federazione italiana che riunisce i produttori di energia da fonti rinnovabili.

I componenti della delegazione: László Zsuffa, co-Energy Consulting Engineering Ltd., Budapest; Ferenc Bohoczky, Ministry of Economy and Traffic - Chief Advisor of Renewable Energy Department, Budapest;Marosvölgyi Béla, President Hungarian Biomass Association, Sopron; Németh István, General Director Regioho Ltd (Municipality in charge of District Heating management) Kormend; Jozsef Tassi, Small Region Association of Oroszlany; Kiss Erno, Polgarmesteri Hivatal Vasvar; Homoki Mihaly, Onkormanyzati Vagyonkezelo, Kaposvar;Endre Zalántai, Mayor Bácsalmás; Orosz Lajos, Deputy mayor Miskolc; Gyula Kocsis, Local goverment of Kaposvár. Un-official participants: Laszlo Molnar – Poplar (this company deals with afforestation programme in Hungary); Mr. Péter Gulyás - ENHA Ltd. (this company deals with plant usage for energetic aims). Per il partner italiano Agrifineur era rappresentato dal dr. Fabrizio Rossi.

 

    

  

Lug 06 2004

Dopo una missione Giapponese, in visita a Tirano i delegati della Commissione dell'Unione Europea che si occupa del progetto InNTERREG IIi ALPINE SPACE ALPENERGYWOOD

Giungono ormai da tutto il mondo ad ammirare la centrale del Tcvvv di Tirano. L’ultima visita, seguita a quella della delegazione giapponese avvenuta due giorni prima, risale a mercoledì 23 giugno quando i rappresentanti della società del Teleriscaldamento tiranese guidata da Walter Righini si sono incontrati con un nutrito gruppo di delegati della Commissione dell’Unione Europea nell’ambito del progetto Interreg III B Alpine Space Alpenenergywood Project. Un proficuo scambio di conoscenze nel segno della biomassa e della materia prima “legno”, il combustibile secolare che in questi ultimi anni vive senz’altro una nuova primavera nell’ambito della produzione di energia verde non inquinante. I partners convinti della bontà dello sfruttamento della biomassa ai fini energetici sono Francia, Svizzera, Germania, Austria, Slovenia, Lombardia, Veneto, Biella e l’Aiel (Associazione Italiana Energia del Legno). Giovedì scorso a Tirano erano presenti rappresentanti di Germania, Francia, Veneto e Austria. Il gruppo dell’UE, a seguito del lungo giro effettuato presso le altre centrali italiane alimentate a biomassa (sono state visitate la centrale di Pavia e di Sellero in provincia di Brescia), ha dichiarato di essere rimasto particolarmente ammirato dall’”Ottimo funzionamento” anche di quella tiranese. Aldo Deias, dirigente Servizio Agricoltura in Regione, ha posto l’accento sul fatto che “La realizzazione di questi progetti va agevolata in tutti i modi e stimolata. Il bosco rappresenta un vero e proprio tesoro energetico. La strada che si è aperta oggi porta all’utilizzo del bosco nella forma migliore e va perseguita con determinazione. La montagna va aiutata organizzando la filiera a 360 gradi”. Il gruppo di ospiti d’eccezione ha effettuato una visita completa alla centrale tiranese produttrice d’energia pulita per poi proseguire il proprio viaggio verso Milano. Una giornata particolarmente significativa che ha visto anche il battesimo di Pietro Del Simone, sindaco di Tirano, presente ad accogliere l’importante delegazione assieme all’assessore Claudio De Campo. “Questi scambi arricchiscono e sono d’importanza basilare nel settore legno-energia” ha commentato anche Walter Francescato, funzionario dell’Aiel, associazione Coordinatrice dei Partners Italiani nell’ambito del progetto Alpenenergywood. Un nuovo successo da collezionare dunque per la Centrale tiranese che vince da ogni punto di vista lo si voglia guardare la sua impegnativa sfida colorando il futuro di verde, tinta di quest’energia non inquinante all’insegna del risparmio. I residenti della città possono quindi andare fieri di questo importante progetto nel pieno rispetto dell’ambiente. Una centrale dipinta di verde dunque amata anche dalle rondini che l’hanno scelta proprio per costruirvi il nido. Gabriela Garbellini

Nelle foto alcuni momenti della visita della Commissione dell'Ue.

   

INTERESSE DEL SOL LEVANTE AL TELERISCALDAMENTO DI CASA NOSTRA - Mr. Kunio Osakada e Mr. Yasuyuki Kobayashi della ditta Altech che sta promuovendo la technologia ORC in Giappone e Mr. Kazuhisa Igusa.

Giu 23 2004

Incontro con la provincia di Mantova

Giovedì 27 maggio 2004 alla centrale di Tirano è giunta in visita una delegazione della Provincia di Mantova. Il motivo della presenza in Valtellina degli amministratori mantovani è legata alla volontà di approfondire le problematiche relative alle fonti rinnovabili con particolare riferimento all'utilizzo delle potature delle vigne e del verde urbano. Dopo lo scambio di informazioni e di valutazioni il Dott. Francesco Dugoni con i collaboratori tecnici Dott. Mentore Bernini e Dott. Pier Paolo Rorselli hanno visitato la centrale di Tirano.

 

Mag 27 2004

Articoli più letti:

Partner

               

Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta il nostro utilizzo da parte dei cookie. Scopri di più.