news

news (166)

Sabato 29 gennaio 2005, a Tirano, l'assemblea dei soci della TCVVV

Gli azionisti della Teleriscaldamento Coogenerazione Valtellina, Valchiavenna e Valcamonica Spa sono convocati in assemblea ordinaria in prima convocazione per il giorno 27 gennaio 2007 alle ore 9.30 ed in seconda convocazione per il giorno 29 gennaio 2005 alle 9.30 presso la sala riunioni della Banca Credito Valtellinese Filiale di Tirano (g.c.) in Piazza Marinoni.

Ordine del giorno dell'Assemblea

 

  • Esame bozza di bilancio al 30 settembre 2004;

 

  • Relazione del collegio sindacale;

 

  • Approvazione Bilancio e destinazione risultanze;

 

  • Proposta adeguamento compenso agli amministratori;

 

  • Nomina di un amministratore, ai sensi dell'articolo 2386 cc

Potranno intervenire all'Assemblea gli Azionisti iscritti nel libro dei soci almeno due giorni prima di quello fissato per l'assemblea e quelli che hanno depositato nel termine stesso le loro azioni presso la sede sociale o presso gli istituti di credito: Banca Intesa, Banca Popolare di Sondrio, Credito Valtellinese, Banca di Valle Camonica (ai sensi dell'art. 12 dello Statuto). Gli azionisti potranno presenziare all'assemblea di persona o per delega.

Gen 18 2005

La centrale di Tirano produce anche formazione

Il percorso formativo del Master RIDEF energia (Energie Rinnovabili, Decentramento, Efficienza Energetica) fa tappa a Tirano per una lezione pratica su teleriscaldamento e coogenerazione.

Dopo la lezione teorica proposta dal presidente Walter Righini presso il Politecnico di Milano, lunedì 17 gennaio sono arrivati a Tirano i 40 partecipanti al Master RIDEF Energia. Tutti laureati, per il 60% in ingegneria, ma anche in giurisprudenza, economia, matematica, i partecipanti al Master hanno individuato nelle tematiche dell'energia un ambito che merita approfondimento. "E l'energia non è soltanto una questione tecnica - spiegano alcuni dei partecipanti all'incontro di Tirano - ma qualcosa di più complesso che coinvolge anche scelte politiche ed atteggiamenti personali.

L'obiettivo del master Ridef Energia (Energie rinnovabili, decentramento, efficienza energetica) - come spiega il Kyoto Club - è quello di formare una nuova figura professionale: quella dell'esperto nel campo dell'efficienza energetica e della produzione decentrata di energia, in grado di sfruttare le nuove regole del mercato dell'energia. Una figura professionale che sia parte della soluzione nel sistema energetico in evoluzione, in un nuovo contesto istituzionale, tecnologico e che sappia rispondere alla sfida dei cambiamenti climatici globali. Il percorso di formazione multidisciplinare avrà per oggetto il sistema energetico a scala locale, con attenzione alle soluzioni emergenti nei campi delle fonti rinnovabili, della micro e mini-cogenerazione e dell'efficienza energetica negli usi finali. Questi settori vedranno un notevole sviluppo nei prossimi anni in relazione agli indirizzi dell'Unione europea, agli strumenti legislativi vigenti e quelli in via di definizione. Da un lato il decentramento energetico attribuisce notevoli responsabilità alle regioni, determinando la necessità di rafforzare le deboli strutture che si occupano di questa tematica.

 

 

I partecipanti alla visita/lezione guidata da Walter Righini, dal'ing. Alessandro Brè e dai tecnici della Società del Teleriscaldamento hanno espresso considerazioni estremamente lusinghiere, non solo per l'accoglienza loro rivolta, ma soprattutto per la possibilità di osservare e conoscere direttamente aspetti tecnici, di gestione e di progettazione. "Un conto è leggere queste informazioni su libri e relazioni; tutt'altro è poter toccare con mano ed osservare direttamente". La gran parte dei partecipanti (alcuni hanno scelto il Master per avviare una nuova attività professionale) auspica che iniziative di Teleriscaldamento come quella di Tirano e Sondalo possano prendere piede anche in altre realtà del territorio nazionale. Al termine della giornata a Tirano il gruppo di studenti del Master ha potuto degustare ed apprezzare i prodotti tipici di Valtellina, in particolare pizzoccheri, polenta e vino.

Gen 17 2005

Confermate dalla Legge Finanziaria sino al 31.12.2005 le agevolazioni per gli utenti allacciati alle reti di Teleriscaldamento a biomassa

Ecco le disposizioni contenute nella legge Finanziaria 2005 che confermano le agevolazioni agli utenti del teleriscaldamento

Art 511. A decorrere dalla data di entrata in vigore della presente legge e fino al 31 dicembre 2005, si applicano: a) le disposizioni in materia di riduzione di aliquote di accisa sulle emulsioni stabilizzate, di cui all’articolo 24, comma 1, lettera d), della legge 23 dicembre 2000, n. 388, nonchè la disposizione contenuta nell’articolo 1, comma 1-bis, del decreto-legge 28 dicembre 2001, n. 452, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 2002, n. 16, e, per il medesimo periodo, l’aliquota di cui al numero 1) della predetta lettera d) è stabilita in euro 256,70 per mille litri; b) le disposizioni in materia di aliquota di accisa sul gas metano per combustione per uso industriale di cui all’articolo 4 del decreto-legge 1º ottobre 2001, n. 356, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 novembre 2001, n. 418; c) le disposizioni in materia di accisa concernenti le agevolazioni sul gasolio e sul GPL impiegati nelle zone montane e in altri specifici territori nazionali, di cui all’articolo 5 del decreto-legge 1º ottobre 2001, n. 356, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 novembre 2001, n. 418; d) le disposizioni in materia di agevolazione per le reti di teleriscaldamento alimentate con biomassa ovvero con energia geotermica, di cui all’articolo 6 del decreto-legge 1º ottobre 2001, n. 356, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 novembre 2001, n. 418; e) le disposizioni in materia di aliquote di accisa sul gas metano per combustione per usi civili, di cui all’articolo 27, comma 4, della legge 23 dicembre 2000, n. 388; f) le disposizioni in materia di accisa concernenti le agevolazioni sul gasolio e sul GPL impiegati nelle frazioni parzialmente non metanizzate di comuni ricadenti nella zona climatica E, di cui al comma 2 dell’articolo 13 della legge 28 dicembre 2001, n. 448; g) le disposizioni in materia di accisa concernenti il regime agevolato per il gasolio per autotrazione destinato al fabbisogno della provincia di Trieste e dei comuni della provincia di Udine, di cui al comma 6 dell’articolo 21 della legge 27 dicembre 2002, n. 289; h) le disposizioni in materia di accisa concernenti le agevolazioni sul gasolio utilizzato nelle coltivazioni sotto serra, di cui all’articolo 2, comma 4, della legge 24 dicembre 2003, n. 350.

Gen 09 2005

Efficienza energetica, meno emissioni in atmosfera: dal Teleriscaldamento e dalla Fiper esempi su cui lavorare

Nelle ultime settimane la società per il Teleriscaldamento di Tirano e Sondalo e la Fiper (la Federazione Italiana Produttori di Energia da Fonti Rinnovabili) sono state protagoniste di iniziative e progetti di grande rilievo dal punto di vista ambientale. Ricordiamo, infatti, l’adesione ad Azzero Co2 e la costituzione della Associazione produttori e trasformatori di biomassa. Tutto si muove lungo il filone dell’energia pulita e del rispetto dell’ambiente attraverso la forte riduzione di emissioni in atmosfera. La Tcvvv Spa e le sue consorelle in seno alla Fiper rappresentano in tal senso esempi virtuosi nell’attività industriale in genere ed in quella della produzione energetica in particolare: sono realtà che dimostrano efficienza e capacità di produzione risparmiando, però, emissioni in atmosfera. Un risultato ottenuto attraverso la tecnologia applicata agli impianti, ma anche e soprattutto in ragione di una filosofia ambientale che sta alla base dei progetti e dei programmi imprenditoriali. Si può dire senza timore di essere smentiti che queste iniziative sono perfettamente allineate agli impegni del protocollo di Kyoto. Ed in sintonia con gli impegni di quel protocollo, oggi diventato operativo con la recente adesione della Russia, il risparmio di emissioni di CO2 da parte delle centrali del teleriscaldamento a biomassa può compensare emissioni da parte di aziende meno virtuose circa il rilascio di inquinanti in atmosfera. Ma “quanto” è questo “risparmio di inquinamento”, quale il suo valore e che cosa può realmente rappresentare sono le domande a cui hanno cercato di dare una prima risposta i più recenti incontri avvenuti presso la sede della Tcvvv a Tirano. I vertici di Azzero Co2, il progetto di Legambiente, Kyoto Club e Ambiente Italia che si propone di contribuire alla neutralizzazione dell'emissione in atmosfera di anidride carbonica attraverso l'acquisizione dei diritti di emissione e la promozione di interventi di efficienza energetica, hanno incontrato quelli della società Tcvvv e della Fiper per iniziare ad approfondire una tematica che non è ancora del tutto supportata da norme e regolamenti. All’incontro erano presenti Paolo Frankl ed Emanuela Menichetti di Azzero Co2, Zeno Beltrami e Giulia Galluccio della DNV, la società di certificazione dei crediti di carbonio, Giordana Droghei (di cui la Fiper ha chiesto la consulenza in questa fase), Walter Righini e Giacomo Frenademetz (Fiper) oltre a Mirco Bonaso ed Alessandro Brè, tecnici e consulenti della Tcvvv Spa. L’incontro è servito per approfondire diverse questioni che riguardano la politica ambientale e la migliore attuazione della proposta di Azzero Co2; al riguardo la Fiper ha iniziato ad avanzare alcune idee ed alcune ipotesi di lavoro che verranno approfondite in nuovi incontri. A completare il giro di consultazioni e di confronti, all’inizio della settimana c’è stato l’importante e gradito incontro a Tirano con Paolo Baccolo, direttore generale dell’assessorato all’agricoltura della Regione Lombardia. Oggetto di questo mini vertice – al quale era presente anche rappresentanti della neonata Associazione Produttori e Trasformatori di Biomassa – è stato quello di approfondire la problematica dei certificati di efficienza energetica e dei crediti di carbonio al fine di incentivare e valorizzare, a fini energetici, le fonti alternative in sostituzione del petrolio. Il dr. Baccolo ha espresso il suo apprezzamento per il lavoro svolto dalla Tcvvv (prima società di teleriscaldamento a biomassa in Italia ad avviare un impianto di coogenerazione) che rappresenta un riferimento puntuale per la Regione Lombardia. Nei prossimi giorni continueranno gli incontri a cui il presidente Walter Righini presenterà non soltanto i risultati del lavoro di Fiper e Tcvvv, ma anche proposte per migliorare le norme che disciplinano l’assegnazione dei certificati di efficienza energetica e crediti di carbonio. Intanto a Tirano prosegue la serie di visite didattiche e di istruzione rivolte in particolare ai ragazzi delle scuole tecniche e professionali che possono conoscere ed osservare da vicino progetti, tecnologie ed impianti all’avanguardia.

      

Ott 16 2004

A Tirano i vertici del GRTN e del CESI

Lunedì 11 e martedì 12 ottobre, presso la centrale del teleriscaldamento di Tirano, si è svolto un incontro di particolare importanza con i dirigenti ed i tecnici responsabili del GRTN di Roma e del CESI di Milano. Un incontro che era stato anticipato da un primo contatto romano avvenuto all'inizio del mese di agosto. Lo scopo della riunione è stato quello di approfondire e meglio comprendere tutto il processo di funzione e di gestione dell'impianto di cogenerazione con particolare riferimento al riconoscimento dei Certificati Verdi. La delegazione del GRTN era composta dagli ingegneri Costantino Lato, Giacomo Bertoni e Benedetto Torresetti della Direzione Rete, Andrea Raffaelli della Direzione Commerciale e Massimiliano De Carli del CESI di Milano. In rappresentanza della Società Tcvvv Spa e della Federazione Italiana produttori di energia da fonti rinnovabili, oltre al presidente Walter Righini, sono intervenuti il vicepresidente Carlo Zuanazzi. l'ing. Alessandro Brè e gli ingegneri, consulenti tecnici, Giuseppe Tomassetti, Giovanni Riva, Mauro Alberti e Alfio Fioroni. Ha preso parte alla riunione anche l'ing. Bini della società Turboden fornitrice dell'impianto produttore di energia elettrica.

   

Ott 12 2004

Dicono di noi: l'esperienza del Teleriscaldamento di Tirano su "QUARK"

Il periodico scientifico Quark ha dedicato due pagine all'attività ed all'esperienza valtellinese del Teleriscaldamento.

 

Ott 07 2004

Visite da Verona e Mantova

Continua sensa sosta l'afflusso di visitatori alle centrali della società per il Teleriscaldamento di Valtellina, Valchiavenna e Valcamonica Spa. Delegazioni di amministratori, tecnici e ricercatori arrivano a Tirano mentre prosegue l'impegno di comunicazione dei vertici della Tcvvv Spa nelle più diverse sedi (come nel caso dell'intervento del presidente Righini alla fiera Millenaria di Gonzaga - MN). Nella foto la più recente visita di gruppi provenienti da Mantova e da Verona.

Set 17 2004

Sindaci ed amministratori del mantovano in visita alla Centrale di Tirano

L'esperienza del teleriscaldamento in Alta Valtellina rappresenta un motivo di interesse soprattutto da parte degli amministratori. La Regione Lombardia indica il modello di Tirano e Sondalo come esempio anche per altre realtà lombarde. Cresce in tal senso la presenza nel registro dei visitatori di rappresentanti degli enti locali della nostra regione. Nella giornata odierna a Tirano sono stati ospiti sindaci ed assessori di alcuni comuni del mantovano. In particolare i Sindaci di Rivarolo Mantovano, Quingentole e gli assessori di Sermide. Nelle immagini alcuni momenti della visita e l'incontro con il Sindaco di Tirano che ha accolto i colleghi amministratori.

  

Set 05 2004

Ospiti inglesi alla Centrale di Tirano

Continuano le visite alla centrale di Tirano. Oggi è stata la volta di una delegazione inglese accompagnata dall'Ing. Giovanni Riva A.D. del CTI e dell'Ing. Bini della Ditta Turboden. Scopo della visita quello di approfondire aspetti tecnici e di approfondire temi di innovazione tecnologica legata agli impianti.

    

Ago 09 2004

Articoli più letti:

Partner

               

Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta il nostro utilizzo da parte dei cookie. Scopri di più.